Ultima modifica: 15 novembre 2016
Istituto Comprensivo Statale Pirandello > Criteri formazione classi triennio 15/18

Criteri formazione classi triennio 15/18

CRITERI FORMAZIONE CLASSI I triennio 15-18

SCUOLA DELL’INFANZIA

  1. Costituzione di una Commissione, designata dal Collegio dei Docenti, formata da tre insegnanti di Scuola dell’Infanzia:

       Le sezioni saranno:

  1. Giusta proporzione fra maschi e femmine;
  1. Equa distribuzione di alunni anticipatari (n. 3 alunni per sezione) di alunni stranieri e di alunni che non si avvalgono dell’insegnamento della Religione Cattolica;
  2. Eventuale sorteggio nel caso in cui non fosse possibile raggiungere un accordo. Esclusione dal sorteggio degli alunni con disabilità;
  3. Il cambio di sezione è ammesso solo a condizione che ci siano due richieste consensuali.

CRITERI PER L’ ACCOGLIENZA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE DEI BAMBINI  ANTICIPATARI (1 GENNAIO/30 APRILE)

  1. Precedenza per i nati entro il 31 dicembre;
  2. In caso di disponibilità di posti, dopo aver completato le operazioni di cui al punto 1, verranno accolte le domande di iscrizione degli alunni anticipatari.
  3. Graduatoria unica dei bambini anticipatari, nati dall’ 1 gennaio al 30 aprile.
  4. Per questi ultimi, l’ammissione alla frequenza può essere disposta, previa constatazione del livello di autonomia raggiunto da ogni singolo bambino (autodichiarazione dei genitori).
  5. Inserimento di alunni anticipatari fino ad un massimo di 3 bambini per sezione.
  6. Gli alunni anticipatari non ammessi alla frequenza entreranno a far parte di una lista d’attesa, costituita dai bambini in ordine di età, dal più grande al più piccolo. Alla lista di attesa si attingerà nel caso di mancata frequenza di alunni iscritti.

 SCUOLA PRIMARIA

 CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI PRIME 

  1. Costituzione di una Commissione,  designata dal Collegio dei Docenti, formata da due insegnanti di Scuola Primaria e un insegnante di Scuola dell’Infanzia;
  2. Formazione di gruppi eterogenei sia dal punto di vista relazionale e comportamentale che dell’avvio ai  processi di scolarizzazione, anche sulla base dei dati rilevabili dai documenti compilati dalla Scuola dell’Infanzia e delle indicazioni fornite dalle insegnanti;
  3. Equa distribuzione degli alunni per fasce di livello;
  4. Giusta proporzione tra maschi e femmine;
  5. Equa distribuzione di alunni stranieri e di alunni che non si avvalgono dell’insegnamento della Religione cattolica;
  6. Eventuale sorteggio nel caso in cui non fosse possibile raggiungere un accordo. Esclusione dal sorteggio degli alunni con disabilità e con DSA;

Alle singole classi vengono aggiunti, da parte del Dirigente Scolastico, gli alunni iscritti successivamente alla formazione delle classi stesse.

Gli elenchi definitivi verranno esposti al pubblico e non potranno essere modificati, salvo successive iscrizioni o ritiri.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Costituzione di una Commissione, designata dal Collegio, formata da due docenti di Scuola Secondaria di 1° grado e da due insegnanti di Scuola Primaria. Questa procederà alla formazione dei gruppi – classe, secondo i criteri stabiliti dallo stesso Collegio dei Docenti.

  1. Suddividere gli alunni in modo equilibrato secondo genere maschile/femminile;
  2. Formare gruppi eterogenei dal punto di vista relazionale e delle abilità conseguite al termine della Scuola Primaria, tenendo conto dei dati rilevabili dai documenti compilati dalla Scuola Primaria e dagli elementi segnalati dai relativi docenti;
  3. Eventuale cambio di sezione è ammesso solo a condizione che ci siano due richieste consensuali.
  1. Eventuali alunni disabili dovranno essere inseriti equamente nelle diverse classi;
  1. Assegnare gli alunni non ammessi alla classe successiva o non licenziati alla stessa sezione dell’ anno precedente; solo nel caso di due o più alunni si procede ad una equa ridistribuzione in classi diverse.
  2. Nel caso in cui la classe di provenienza non si dovesse formare, gli alunni seguiranno il sorteggio.

 

Deliberato dal Consiglio di Istituto del 28 aprile 2016.